Melodie fuori dal tempo

Ieri sera ascoltando il terzo LP di una raccolta di Tchaikovsky, ho avuto un momento di commozione spontanea, non dovuta a nessun pensiero in particolare; solo ai suoni che aleggiavano nell’aria e sembravano fondersi con il fuoco acceso.

Pensieri fugaci

Poi ho pensato all’epoca in cui venivano composte queste melodie, immagina: non c’erano i suoni di adesso a circondare gli uomini, a influenzarli anche inconsciamente; nessuna radio, niente televisore, nessuna suoneria di telefono o musica in sottofondo nei bar. Solo i suoni della natura ad ispirarli o delle cose della vita quotidiana o delle vie e piazze.

Immagina, puoi

Ecco, se hai immaginato questo, chiediti se abbia influito sulle composizioni e poi da dove traevano ispirazione. Se arrivi alla risposta che mi sono dato io, ascolta con questo pensiero la sublimità di queste melodie. Melodie di mondi Superiori, che stanno dentro, non fuori.

E poi dimmi: puoi fare a meno di commuoverti?